ABC – I frutti del caso

233619-8001-e1444924605628-610x400

Chi avrebbe scommesso sull’Inter prima in classifica, da sola, a 30 punti, dopo 13 giornate di campionato? Lasciamo alla retorica la risposta a questa domanda. Ma se la squadra di Mancini è lì, non può trattarsi di una coincidenza, di un colpo di fortuna, come vorrebbero i più: 9 vittorie, 3 pareggi, 1 sola sconfitta non sono infatti frutto del caso. E ancora: 16 goal fatti, 7 subìti, che diventano soltanto 3 se si esclude la partita casalinga contro la Fiorentina. Avevamo parlato di “esami di maturità” per i nerazzurri, rimandando il giudizio alla partita contro la Roma e contro il Napoli. Però la Roma è stata battuta, e bene. E dunque la pesante sconfitta contro l’undici di Paulo Sousa deve essere spiegata con altri argomenti, non certo con quello della debolezza strutturale: la difesa a tre e due papere di Handanovic nei primissimi minuti di gioco, per esempio. L’Inter gioca male, non è in grado di tessere trame di gioco, vince quando dovrebbe pareggiare.  Ieri sera la Roma è stata letteralmente umiliata dal Barça: certo, al Camp Nou si può perdere, e anche male, ma la squadra di Mancini – ne siamo certi – avrebbe avuto un impatto diverso sulla partita. Perché il tecnico di Jesi ha costruito i risultati che sta ottenendo su una grande solidità difensiva. E poi Icardi deve ancora sbloccarsi; Jovetic e Perisic vanno ancora a intermittenza; Ljajic ha mostrato forse per la prima volta contro il Frosinone quello che può dare. Insomma il tempo per il bel gioco verrà, stiano tranquilli gli interisti e si godano i frutti di un lavoro certosino e intelligente.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...